sabato 25 luglio 2015

Arna Templare

In occasione della ricorrenza del settimo centenario della morte sul rogo di Jacques de Molay – l’ultimo gran maestro dell’Ordine del Tempio, giustiziato a Parigi il 18 marzo 1314 per volontà di Filippo il Bello – il Comune di Perugia ha avviato un progetto di valorizzazione del Territorio Arnate finanziato dal GAL Media Valle del Tevere.
Tra le iniziative intraprese nel corso del 2014, è stato organizzato un ciclo di conferenze dal titolo Arna Templare, tramite il quale, grazie alla partecipazione di studiosi di vari ambiti disciplinari delle Università di Perugia e Siena, sono state ripercorse le più significative vicende insediative, socio-politiche e storico-artistiche che hanno segnato questa porzione del contado di Perugia compresa fra il Tevere e il Chiascio tra medioevo ed età moderna.
Grazie alla collaborazione e al sostegno del Sovrano Militare Ordine di Malta, è stato inoltre possibile organizzare un itinerario storico-artistico, volto a promuovere la conoscenza delle più rilevanti emergenze architettoniche del Territorio Arnate. Il percorso ha toccato, in particolare, l’antica pieve di Santa Maria di Ripa e la Commenda gerosolimitana di San Giustino, in origine monastero benedettino e, dal 1237, importante precettorìa templare.

martedì 21 luglio 2015

Antica Bottega Amanuense

L'Antica Bottega Amanuense è stata fondata da Enrico Ragni, in arte Màlleus, nel 1988 a Recanati, con lo scopo di riprendere lo studio e l’arte, ormai dimenticata, della Calligrafia (dal greco calòs e graphìa, “bella scrittura”). Anni di studi, di ricerche e di incontri con i maggiori artisti calligrafici internazionali, uniti ad una grande passione per il mondo antico, hanno permesso all’Antica Bottega Amanuense di affermarsi come il più grande Scriptorium Europeo e come uno dei più grandi a livello internazionale.
In un epoca “computerizzata” e proiettata verso l’automazione, lo studio della Calligrafia può sembrare controcorrente e antiquato, ma Màlleus ha da sempre percorso strade all’apparenza difficili, guidato dal gusto per il bello e per l’antico, anche se questo significava impegnarsi in un terreno nuovo.

Usiamo solo vere pergamene animali, carte fatte a mano del XI secolo filigranate con il nostro marchio, carte pergamenate e carte anticate realizzate con un metodo segreto della Bottega.
I Caratteri Calligrafici sono gli originali utilizzati in un periodo storico compreso tra il I sec. d.C e i giorni nostri, passando quindi per il Medioevo, il Rinascimento e l’Umanesimo: Capitale romanico, Onciale, Gotico, Cancelleresco, Corsivo inglese, Italico e tutti le varianti codificate.
Realizziamo Miniature finemente decorate a mano con Capolettera in oro zecchino 24 K. Un vero e proprio concentrato d'arte che evoca antiche tradizioni e suggestive atmosfere legate al passato.

Visita il sito !

martedì 7 luglio 2015

Festival del Medioevo

La prima edizione del Festival del Medioevo si terrà a Gubbio dal 30 settembre al 4 ottobre 2015. Dieci secoli di storia (476-1492) in cinque giorni densi di appuntamenti culturali, mostre, mercati, esibizioni e spettacoli in una delle più belle città medievali d’Italia.
Altro che “secoli bui”. Basta accendere un computer e digitare la parola “Medioevo”: in meno di un secondo, 6 milioni di risultati, soltanto nella lingua italiana. L’Età di Mezzo è ancora al centro di ogni discussione.
Ma cosa è veramente il Medioevo? Un’epoca di passaggio tra l’età antica e quella moderna, che indichiamo, in modo convenzionale, tra due date: il 476, anno della caduta dell’Impero romano d’Occidente e il 1492, l’anno della scoperta dell’America.

domenica 28 giugno 2015

Centro Internazionale di Studi Gioachimiti

Il Centro Internazionale di Studi Gioachimiti di San Giovanni in Fiore è stato formalmente istituito in data 2 dicembre 1982 in San Giovanni in Fiore, col patrocinio delle Amministrazioni Comunali di San Giovanni in Fiore, Celico e Luzzi. Nel corso del 1985 vi hanno aderito la Comunità Montana Silana e l'Amministrazione Provinciale di Cosenza. La Regione Calabria ha riconosciuto il Centro con legge n. 11 del 25/11/1989. Nel 2001 vi ha aderito l'Amministrazione Comunale di Carlopoli. Nel corso dell'ultimo ventennio si è verificata una straordinaria rifioritura di ricerche e pubblicazioni sulla figura e sul messaggio di Gioacchino da Fiore.
L'Abate Calabrese è oggi con Dante e Francesco d'Assisi l'autore più studiato della tradizione culturale nazionale, sia in area europea sia in area americana. Punto di riferimento, di coordinamento e di propulsione di questa straordinaria ripresa d'interesse verso l'Abate di Fiore è il Centro Internazionale di Studi Gioachimiti, insediato nei locali della restaurata Abazia Florense, messi a disposizione dall'Amministrazione Comunale di San Giovanni in Fiore.

domenica 31 maggio 2015

Compagnia del Nibbio

La Compagnia del Nibbio nasce a Como nel 2003 per la volontà di alcuni amici amanti del medioevo, è composta da 30 elementi che si alternano nelle varie manifestazioni storiche a cui partecipano in Italia e all’estero.
Il periodo storico di riferimento del gruppo è a cavallo tra il sec. XII e il sec. XIII. Il contesto storico politico nel quale la Compagnia si muove è quello dell’alleanza tra Como e Federico I di Svevia detto il barbarossa contro Milano, avvenuta per liberare Como dal giogo dell’odiata nemica, che dopo la decennale guerra aveva raso al suolo la città e soprattutto sottomesso la popolazione sia politicamente sia economicamente.
La Compagnia ricostruisce momenti di vita medioevale all’interno di un accampamento, cercando di rimanere il più possibile aderente alle usanze dell’epoca sia nei materiali sia negli usi e costumi. L’accampamento nella sua interezza copre una superficie di circa 350 mq. ed è cosi composto: area militare con tende dormitorio, riproduzioni di armi antiche, strumenti di tortura (gabbia, gogna, palo per la fustigazione), riproduzione di macchina da guerra (catapulta); area banchetto con la grande tenda ellittica per il banchetto, la tenda dispensa, fuochi e bracieri, in quest’area davanti alla ricostruzione di un banchetto nobile si scoprono gli usi e costumi della tavola medioevale; area ludica per i più piccoli con giochi di abilità, i bambini futuro di ogni famiglia, sia essa nobile o popolare, erano chiamati a mostrare sin da subito la loro abilità e forza nel superare ostacoli, abbiamo ricostruito un gioco che unisce queste due cose, abilità per superare dei sacchi che oscillano e forza nel colpire il buratto, classica riproduzione del nemico. In tutto l’accampamento sono presenti personaggi in costume d’epoca che con scene di vita quotidiana, duelli con bastone o mazza chiodata, rendono ancora più affascinante e coinvolgente la ricostruzione.
Visita il sito !

lunedì 18 maggio 2015

Signori Bevande Medievali

Mercanti di bevande di qualità d’origine storica.
Qui trovate l'Ippocrasso, l'Idromele, birre artigianali, sidro e molte altre bevande e prodotti.
Presenti in feste e rievocazioni con banco e in costume d’epoca nell’ambito del mercatino storico o nel gruppo di antiche arti e mestieri.
Disponibili a presenziare con i propri prodotti a manifestazioni o ad iniziative in locali come ristoranti caratteristici e a feste private.

mercoledì 29 aprile 2015

Pro Musica Antiqua

L'Associazione Pro Musica Antiqua ha come scopo la divulgazione culturale della musica antica, che intende promuovere tramite rassegne di spettacoli, concerti,  tutti rigorosamente dal vivo, come pure le conferenze  e le lezioni-concerto che hanno il loro punto di forza ed interesse proprio sull'esecuzione dal vivo di brani musicali.
Per contribuire a contrastare, nei modesti limiti delle nostre competenze e possibilità, l'ondata di appiattimento e superficialità che sta pervadendo la nostra società in quasi tutti gli ambiti culturali, in particolare in campo musicale.
La musica antica è presente e  parte integrante della nostra cultura molto più di quanto normalmente si possa pensare. Secondo la nostra esperienza, se ben scelta e presentata, è in grado di suscitare notevole interesse e piacere già al primo ascolto.

sabato 4 aprile 2015

Centro di Ricerca sulle Istituzioni e le Società Medievali

Nel 1995 il CRISM (Centro di Ricerca sulle Istituzioni e le Società Medievali) nasce dalla constatazione che, nelle aggregazioni della medievistica italiana, era ancora scoperto lo spazio della storia istituzionale, rinnovata nei contenuti e nei metodi (inconfondibile dunque rispetto alla vecchia storia politica) e coniugata con la storia regionale che rifugge dalla pura curiosità erudita e trova la sua ragion d’essere nei metodi aggiornati e nella comparazione fra diverse realtà geografiche. Da quel momento la «scuola di Torino» di medievistica, una delle più accreditate d’Europa (se ne trovano riconoscimenti in articoli delle «Annales», di «Le Moyen Age», «Panorama», «L’Espresso», «La Stampa», «Repubblica», «Corriere della sera», «L’Unità», «Il Sole 24 Ore», ecc.) trova una sua forma organizzata e stabile.
Il CRISM ha come strumento fondamentale della sua ricerca e della sua attività di consulenza la Biblioteca della Sezione di Medievistica e Paleografia del Dipartimento di Studi Storici dell’Università di Torino, la maggiore d’Italia nel suo settore, con una consistenza di oltre 35.000 volumi e circa quaranta periodici in abbonamento.

martedì 31 marzo 2015

ViduQuestla

Siamo due appassionati di lavori artigianali e artistici. Abbiamo da tempo unito le nostre diverse conoscenze alla comune passione per la storia, per dar vita a riproduzioni di tavole da gioco, prodotti decorati e oggettisica di vario genere. In questo sito esponiamo il risultato della nostra ricerca. Tempo fa, siamo incappati, per caso, nel termine celtofono Viducuestla, che sembra significare "Riflessione sul legno" ed era usato per designare i giochi delle tavole. Ci è sembrato il termine più adatto per descrivere quello che facciamo. 

sabato 21 marzo 2015

Errabundi Musici

Nato nel 2001, il gruppo si interessa di repertori musicali inusuali, lungo un periodo storico che va dal Medioevo fino al Rinascimento. Da subito gli Errabundi Musici riscuotono numerosi apprezzamenti esibendosi all’interno di rievocazioni storiche, cene e feste medioevali in molte piazze d’Italia ed all’estero. Nei loro spettacoli alternano momenti strumentali a balli e forme di animazione con declamazioni di testi antichi. Viva è anche l’ attività concertistica, che li vede spesso in antiche rocche, castelli e teatri in collaborazione con voci soliste e formazioni corali impegnati in repertori di musica strumentale e vocale.